ANTHONY AUSGANG

Anthony Ausgang, The happy dance, 2011, acrylic on cavas, 91x183 cm

ANTHONY AUSGANG nasce nel 1959 a Trinidad e Tobago. Attualmente vive e lavora a Los Angeles.

La sua ricerca artistica approda, dopo gli anni di studio in California, a quella che viene oggi definita una poetica pop-surrealista o Low Brow, caratterizzata dall’uso del patrimonio storico per rovesciarne i luoghi comuni. Genere, stereotipo e parodia sono le chiavi di lettura che hanno attirato i suoi collezionisti tra cui David Arquette, Nicolas Cage e Perry Farrell. Molte sono le esposizioni internazionali. Ad iniziare dall’esordio nel 1991, con Manic Action, alla Zero Art Gallery di Huston (Texas) sono seguite diverse personali in California, tra cui nel 1998 Autobiopsy, Merry Karnowsky Gallery, Los Angeles, nel 2000 Catscapes, Kantor Gallery, Beverly Hills, nel 2003 Double Trouble, Copro Nason Gallery, Los Angeles, nel 2005 Splat!, Copro Nason Gallery, Santa Monica, nel 2007 ll Morphology, Copro Nason Gallery, Los Angeles, nel 2010 Abstract Fables, Copro Nason Gallery, Los Angeles, nel 2012 Ausgang, Cartoon Network, Burnamk, e molte partecipazioni in collettive tra cui nel 2009 Movers and shakers, Poveveolving Gallery, Los Angeles, nel 2010 Help, Thinkspace Gallery, Los Angeles, nel 2011 “Street and Low”, Robert Berman Gallery, Los Angeles, INLE, Gallery 1988, Los Angeles. La sua presenza sulla scena Italiana inizia dal 2001 con la collettiva Art parts, Mondo bizzarro gallery, Bologna, per continuare con Apocalypse wow!, Macro Future, Rome. Viene commissionato da Indipendent Ideas nel 2010 di realizzare un progetto per le vetrine natalizie de LaRinascente di Milano e approdare alla galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea dove espone dal 2010 con le collettive Fantasilandia e Kustom Kulture e la personale del 2011 AAA Attention Ausgang! (Mondo Gatto). 2013 Negro y Blanco, Space:Eight, St. Augustine. FL. 2012 Ausgang, Cartoon Network, Burnamk, CA.
Tra le più importanti pubblicazioni Pop Surrealism: The Rise of Underground Art, Ignition Publishing/Last Gasp, 2004.

Cerca