MASSIMO GIACON

Giacon-evidence

MASSIMO GIACON

Massimo Giacon è nato a Padova nel 1961.

Inizia a disegnare fumetti nel 1980, attività che porta avanti fino ad oggi, collaborando con le seguenti testate ed edizioni: Frigidaire, Tempi Supplementari, Frizzer (Ed. Primo Carnera), Linus, Alter (ed. Milano Libri), Dolce Vita, Tic, Nova Express (ed. Granata Press), Cyborg (ed. Telemaco), Blue (Mare Nero ed.) e gli editori Coconino Press, Black velvet, Mondadori, Rizzoli Lizard Rcs.
Ha inoltre collaborato, in qualità di illustratore, per La Gola, Alfabeta, Elle, Per Lui, Glamour, Rockerilla, Rumore, XL Magazine, Rolling Stone.
Ha pubblicato due raccolte di sue storie brevi a fumetti, che contengono lavori realizzati in team con Mimì Colucci (testi). Si tratta di Mecanostorie (primo Carnera ed. 1985), e di Rattletown (Granata Press 1995).
Ha creato per la rivista XL il personaggio di Bogie.
Nel 2009 è uscita con Black Velvet Editore la graphic novel Boy Rocket, scritta da Mimì Colucci.
Nel 2011 esce La Quarta necessità, graphic novel su sceneggiatura di Daniele Luttazzi, Rizzoli Lizard/Rcs editore.
Nel 2013 ha iniziato la lavorazione della graphic novel “il mondo di Alfio”, su testi di Tiziano Scarpa per Rizzoli Lizard Rcs editore.
Per il design ha cominciato a lavorare nel 1985 per lo Studio Sottsass Associati di Milano, progettando successivamente oggetti in proprio per aziende di design innovative e storiche come Memphis e Olivetti, e successivamente per Swatch, Artemide e Alessi. Ha disegnato inoltre arazzi, laminati, siti web, packaging, stoviglie, posate, ceramiche.
Negli ultimi 5 anni ha lavorato con l’azienda Superego, con cui ha realizzato una serie di sculture in ceramica a tiratura limitata (The Pop will eat Himself), mentre è uno dei principali protagonisti per la produzione della linea di gadget natalizi di Alessi (Alessi Xtraordinary Xmas).
In campo artistico ha fondato con Vittore Baroni e Piermario Ciani: “TRAX”, esperimento di intervento artistico multimediale e aperto a illimitate collaborazioni esterne attivo fino al 1988. Ha esposto in numerose gallerie in Italia e all’estero.
Ha fondato nel 1980 insieme a Enrico Friso e Alberto Mineo la band di musica elettronica demenziale “Spirocheta Pergoli”, successivamente, nel 1984 – fonda con Alberto Mineo e Mimì Colucci una nuova bizzarra band di Art-Rock, “I Nipoti Del Faraone”. Nel 1996 esce il suo primo disco da solista “Horror Vacui”. Nel Dicembre 2002 esce il suo secondo disco solista ” Nella città Ideale”. Tra il 2003 e il 2013 tiene diversi concerti e dj set da solo e con una nuova formazione, sotto il nome di Massimo Giacon & The Blass.
Nel 1984 ha realizzato diversi cortometraggi in animazione ed illustrazioni per la trasmissione televisiva “Mister Fantasy”, successivamente per le trasmissioni RAI Obladì Obladà e Moda. Con Giacomo Verde e Stefano Roveda ha progettato “Bit” , personaggio virtuale per “La città della Scienza” (Napoli).
Dal 2009 al 2012 ha realizzato, insieme allo Studio Alienatio, diversi video in animazione, tra cui vari spot per Xtraordinary Xmas, la collezione di oggetti natalizi Alessi.

Principali collettive e personali

1982
partecipa alla Biennale del disegno di Norimberga, curata da Luciano Francalanci.

1984
partecipa alla prima collettiva “Swatch Street Art Painting” a Basilea.

1990
Febbraio – realizza la sua prima mostra personale di quadri per lo Spazio Romeo Gigli – Corso Como 10 di Milano.

1993
Febbraio – mostra personale presso la Galleria Inter Nos di Milano. Progetto intitolato “Via Crucis”, catalogo realizzato da RR edizioni di Spoleto, introduzione di Ettore Sottsass.

1994
Maggio – Mostra personale da Jay Chiat, New York, con prefazione di Alessandro Mendini.

1995
Febbraio – Mostra personale “Esilio domestico”, Spazio Juliet, Trieste, curatore Roberto Vidali.

1996
Luglio – il comune di Reggio Emilia gli dedica una consistente mostra storico antologica (Horror Vacui, catalogo Kum Fut, con cd musicale allegato) presso gli spazi degli Ex Stalloni, prefazione del catalogo di E. L. Francalanci.

1996
Novembre – in team con Marco Zanini presenta alla Galleria Inter-Nos di Milano “Ceramicomix”, collezione di 28 vasi decorati a tiratura limitata. Nel 1997 la mostra verrà presentata in svariate gallerie, tra cui la Swatch Gallery di New York, La Luz de Jesus Gallery di Los Angeles, lo Spazio TDK di Tokyo e lo Spazio Sbaiz di Lignano (Venezia).

1997
Settembre – mostra personale (“ I 50 comic books più importanti del pensiero occidentale, i primi 10: religione”), presso la Galleria Cattelani di Modena.

2000
Febbraio – inaugura la mostra happening “Sexorcismo 2000, presso la galleria LipanjePuntin di Trieste. Esce il libro omonimo, Mare Nero edizioni.
Novembre, partecipa alla collettiva “Sui Generis”, mostra curata da Alessandro Riva al PAC (Padiglione di Arte Contemporanea) di Milano.
2001
Novembre – la mostra “Philosophers in the Pop Planet” apre a Trieste, presso la galleria Lipanjepuntin.

2003
Giugno – mostra personale “Love me Tender” alla galleria Mondo Bizzarro di Bologna.

2004
Marzo – partecipa con due installazioni (“Amami “e “Mondo Macho”) alla Flash Art Fair di Milano.
Maggio – presenta l’installazione “Personal Jesus” al MIART, a Milano.

2005
Novembre – partecipa alla mostra “A band a part” , curata da Gianluca Marziani.

2006
Settembre ­- partecipa alla collettiva “Imperfect Realities” curata da Olivia Spatola, presso la galleria ArtSinergy di Bologna.
Novembre – tiene contemporaneamente due grosse personali a Roma: “The Pop Will eat Itself” alla galleria Mondo Bizzarro e “S. P. Q. R:” alla galleria Lipanjepuntin.

2007
Febbraio – la sua installazione di disegni del 2004 (“Amami”), diventa un libro, realizzato insieme allo scrittore Tiziano Scarpa, pubblicato da Mondadori editore. La stessa installazione viene riproposta alla Fondazione Bevilacqua la Masa, a Venezia.
Aprile – partecipa alla collettiva “Essi Vivono”, curata da Gianluca Marziani, presso la galleria Guidi&Shoen.

2008
Dicembre – Il Piccolo Circo Diabolico, personale per la Galleria Tingo, Milano.

2009
Maggio – Showcase, collettiva curata da Gianluca Marziani, spazio Margo, Roma.

2010
Maggio – partecipa alla collettiva Back from Black, curata da David Vecchiato, museo MADRE, Napoli.

2011
Febbraio – partecipa alla collettiva “XX century Mirabilia” presso Avant Garden Gallery, Milano.
Marzo – partecipa alla collettiva “Dawn The Rabbit Hole”, insieme ad Antonio Riello e Arnold Mario Dall’O, presso la Galleria LipanjePuntin, Trieste.
Giugno – partecipa alla Biennale di Venezia, Padiglione Italia – Lombardia, curata da Vittorio Sgarbi.
Novembre – partecipa alla collettiva per i 25 anni della Luz de Jesus Gallery di Los Angeles, California

2012
Maggio – personale “at work, at home, at play” presso la galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea di Milano.
Ottobre – partecipa alla prima Biennale Italia-Cina, alla villa Reale di Monza, curata da Ivan Quaroni.

2013
Febbraio – La Triennale di Milano gli dedica una personale incentrata sulle ceramiche disegnate per Superego Edition, con prefazione di Luciano Francalanci.

Cerca